Apriamo un “PolGiornKebAliMarkParrucCaffetBarFornPast”..? - Davide Cobelli

Apriamo un “PolGiornKebAliMarkParrucCaffetBarFornPast”..?


Una volta c’era la Polleria che vendeva pollame e uova, la Drogheria che vendeva le spezie, il Tabaccaio che vendeva tabacchi e sali (allora entrambi monopolio di stato), la Farmacia che vendeva medicine per curarsi e le uniche caramelle erano quelle per la gola, la Pizzeria al taglio che vendeva solo pizza a peso in vassoi di cartone da portare a casa, il Giornalaio che vendeva quotidiani e riviste… poi c’erano la Rivendita di Caffè e la Cfotoaffetteria (spesso attigue, altre volte tutt’uno).Ora tutto questo non c’è più!

Quando i nostri genitori erano giovani (intendo fino agli anni 60-70) i locali commerciali in Italia erano dei settori merceologici nettamente definiti.

Raramente trovavi, in uno di questi esercizi, qualcosa in vendita che fosse al di fuori del proprio settore merceologico:

Ricordo che dal Panettiere era possibile forse trovare della pasticceria, raramente ci trovavi l’acqua in bottiglia.

Chi si ricorda il Pastaio? Il negozio che vendeva solo pasta fresca e uova..con certe sfoglie di pasta fresca belle e pronte (mia mamma le comprava il sabato mattina per poi farci il pasticcio di lasagne per la festa).

Dal Giornalaio, da piccolo, ci compravo i fumetti, i periodici e qualche figurina, negli anni adolescenziali anche i biglietti del bus.
Che dire poi del Macellaio? Anche li trovavi carne e uova, con questo odore acre di sangue ogni volta che entravi.

Sotto casa mia da piccolo c’era una Latteria, vendeva latte e caramelle (non so che cosa avessero in comune le due cose, ma è sicuro che ero il primo a correre a prendere il latte per avere il resto in bonbon!)

Se volevi fare una spesa un po diversa e differenziata c’era sempre l’ Alimentari, lì si che trovavi di tutto, dal detersivo alla pasta in scatola, alle caramelle (anche qui!), agli stracci, i salumi e i formaggi, e molte altre cose.

Poi c’era la Caffetteria e/o la Rivendita di Caffè, di sicuro, almeno una nei piccoli centri abitati, ma anche 2 o 3 nelle medie città.

Erano quelle Botteghe in cui arrivavi “a Fiuto” soprattutto al mattino.. Già in lontananza sentivi l’aroma del Caffè tostato, lo sbattere delicato dei piattini o delle tazze una volta impilate una sull’altra, magari sentivi il rumore del macinacaffè in funzione… In vetrina sacchi di Caffè verde e barattoli di Caffè tostato per casa… (Il sottovuoto viene utilizzato dalla fine degli anni ’70).

I Bar, così apprezzati in Italia, sono comunque un esempio dei tempi che cambiano e negli anni 60-70 cominciano a moltiplicarsi.

Vendono panini, bibite, spesso si gioca a a carte in una saletta attigua, si sorseggiano bicchieri di vino e si discute di tutto, ci compri caramelle, chewing gum, alcolici, ecc..

Poi però negli anni ’90-’00 qualcosa cambia, in peggio, vengono liberalizzate le licenze, quindi chiunque può di fatto vendere praticamente di tutto. 

Quindi accade che: I Gfoto1iornalai vendono bibite, caramelle, biglietti da grattare per chi vuol sfidare la sorte (perdendo sempre!) e panini confezionati; il Macellaio fa il Kebab; il Kebab vende pizza al taglio; la Farmacia vende creme di bellezza, ti controlla il peso, vende il gel per capelli, shampoo, ecc..; il Pastaio vende pane e pizza; il Panettiere, vende pizza, pane, uova e salumi; il Salumiere vende formaggi e verdure; il Droghiere vende caffè, tè, caramelle, cioccolata e olio, ma vende anche bibite e pane; il Fruttivendolo vende frutta, verdura, olio, pasta fresca, pizza, olive e sott’oli.

Insomma, uno esce per comprare 1 kg di arance e torna a casa con 3 borse della spesa piene!

Ad oggi la situazione non è cambiata, tutti vendono di tutto, solo che a comprare non c’è più nessuno, esci per comprare 1kg di arance e torni con ½ (di più non potevi permetterti!).

Ciò che voglio dire è che, personalmente, amo moltissimo quei locali pubblici (tornando al Caffè e dintorni…) che sono monotematici, si occupano di un solo settore merceologico e lo fanno con passione e dedizione, non riesco davvero a pensare che si possano affrontare così tanti temi diversi e si possa fare bene in tutti, io ho sempre preferito concentrarmi su un macro-settore (la Caffetteria), magari non è l’unica materia che conosco ma, certamente, è quella che conosco meglio.

Mi piacerebbe tornare indietro ai tempi in cui, chi vendeva Caffè, sapeva quello che faceva e chi serviva un Espresso poteva dedicargli il tempo adeguato, (senza dover “far cassa”, vendere sigarette, fare 2 toast e servire 3 spritz..)

Avremmo la possibilità tutti di approfondire ciò che vendiamo e i clienti saprebbero che ciò che proponiamo è fatto con dedizione e passione, ma anche con l’adeguata conoscenza che il prodotto richiede.

(Ci sono poi “isole felici”, sono strutture dove ognuno dei componenti dell’attività, in campi differenti, si occupa con dedizione a quello che è il suo settore, allora trovi panini e cucina eccezionale, un Barista competente, e un gelato squisito, ma sono rari anche se io qualcuno lo conosco).

Insomma farei volentieri un passo indietro… per poi fare due balzi avanti.

by Davide Cobelli

 


Lascia un commento

Il tuo commento è molto importante per noi

Please Wait...

Questo sito utilizza cookie per garantirti la migliore esperienza d'uso.